News
16.05.2018
Comunicato stampa: una casa editrice appartenente alla galassia nera a "Il Borgo dei libri"

Casaggì Siena salutava ieri, sul proprio sito il riconoscimento ottenuto dall'Amministrazione Comunale di Torrita di Siena che, all'evento finale de "Il Borgo dei libri", ha accolto una casa editrice della galassia nera, autodefinitasi "non-conforme" e già segnalata, l'8 maggio scorso, da Casaggì Siena ai suoi militanti.
L'evento in questione è una mostra-mercato rivolta alle scuole, dove si prevedeva la distribuzione agli studenti del circondario, di buoni acquisto finanziati da sponsor (ignari, almeno in parte, a quanto ci risulta).
La stessa casa editrice, di cui omettiamo il nome, ha rivendicato il successo dell'operazione di auto promozione riuscita nel contesto di una manifestazione più ampia e meritevole di patrocini di indubbia importanza - dalla Regione Toscana alla Provincia di Siena - enti di nuovo, probabilmente all'oscuro della sua presenza tra gli espositori.
Le sezioni Anpi del territorio, insieme al Direttivo Provinciale, hanno tentato in ogni modo corretto e responsabile di avvertire l'Amministrazione Comunale degli effetti secondari, ma inevitabili e prevedibili della sua scelta, della interpretazione dei suoi stessi regolamenti, dell'interpretazione estensive del concetto di democrazia.
Niente è accaduto. L'evento si è tenuto e concluso con evidente soddisfazione: di Casaggì, della casa editrice, dall'Amministrazione comunale.
I bilanci che ne sono stati tratti, apparsi sui siti istituzionali e su alcuni organi di stampa, non recano traccia di alcuna preoccupazione - tranne la rivendicazione di credenziali personali di passioni antifasciste e di vocazioni democratiche da parte dello stesso Sindaco, che si è trincerato però dietro l'ineluttabilità dell'accoglienza (da provare), ma anche dietro una sua rivendicata vocazione alla difesa della libertà di pensiero.
Difendere la libertà di pensiero di chi ripropone la vecchia ferraglia dell'ideologia fascista, mescolata a parole chiave più attuali e familiari, è un ben strano modo di dare continuità alla vocazione antifascista del territorio che governa e che rappresenta.
Anpi ha auspicato (e chiesto esplicitamente in contatti che si possono, all'occorrenza, rendere pubblici) che l'Amministrazione comunale prendesse atto della necessità di dotarsi di strumenti amministrativi validi ed efficaci: buoni ad impedire, ad esempio, che la presenza di quest'anno possa diventare la cifra caratterizzante delle future edizioni (sebbene Casaggì abbia già dichiarato espugnata la Toscana rossa)
Anpi rimane tuttora disponibile a qualunque collaborazione vada in quel senso.
Si chiede, però, agli enti patrocinatori pubblici (Regione Toscana, Provincia di Siena, Unione dei comuni della Valdichiana,Università di Perugia), agli sponsor di rilievo pubblico (Lfi, Sei) e a quelli di chiaro posizionamento antifascista (Coop Centroitalia) di prendere consapevolezza dell'accaduto e, ove ritenuto possibile, di aprire una riflessione sulle dinamiche di legittimazione e di normalizzazione di un pensiero che non lo è, da punto di vista giuridico, culturale e infine politico.
Per il resto, non sta ad Anpi esprimere giudizi e valutazioni sugli amministratori, su come gestiscono, intendono ed orientano la politica culturale che li caratterizza.
Ai loro elettori, il giudizio; a loro stessi la responsabilità politica e morale. 
Calendario Eventi
Maggio 2018
  • L
  • M
  • M
  • G
  • V
  • S
  • D
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31